Dashi Namdakov è nato nel villaggio di Buryat di Ukurik, Russia il 16 febbraio 1967. Il suo nome completo è Dashinima ( ‘Dashi Nima’), che si traduce come ‘Sole Felice’.

Dashi iniziò il suo apprendistato nello studio dell’arte di Gennady Vasiliev, uno scultore buriata, a Ulan-Ude.

Nel 1988 Dashi ha iniziato i suoi studi presso il Krasnoyarsk State Institute of Fine Arts. Dopo la laurea, nel 1992, è tornato a Ulan-Ude, al fine di continuare a lavorare.

Dal 2000, l’artista buriata ha tenuto decine di mostre in tutto il mondo, da Tokyo e Pechino a New York e Los Angeles. Dashi ha esposto le sue opere in musei – il Museo di Stato (San Pietroburgo, Russia), il Beijing World Art Museum (PRC), in gallerie – galleria Halcyon (Londra, UK), il National Arts Club (Stati Uniti d’America), ed è stato coinvolto in progetti commissionati dal governo.

Le opere di Namdakov sono conservate nei sotterranei del Muse dell’Hermitage, il Museo Etnografico di San Pietroburgo, il Museo d’Arte Orientale, e in altri musei di tutto il mondo. Tra i rinomati collezionisti privati ​​di opere di Dashi ci sono figure di spicco del mondo della politica e degli affari, così come collezionisti privati ​​provenienti da Germania, Francia, Belgio, Svizzera, Finlandia, Giappone, Stati Uniti, Taiwan, e, naturalmente, la Russia. Istituzioni culturali di 25 paesi sono orgogliosi di possedere opere di Namdakov nei loro archivi.
 
Table by Dashi Namdakov