I due gruppi statuari bronzei realizzati dallo scultore carrarese Bernardo Morescalchi, e fusi dalla Fonderia Marinelli, raffiguranti un cavallo con accanto un messaggero, dovevano sormontare le estremità del coronamento della facciata del Palazzo delle Poste di Forlì, ma per motivi tecnici furono rimossi poco dopo la posa, avvenuta nella primavera del 1933, per essere collocati sopra un analogo edificio postale progettato dal Bazzani a Pescara. È probabile che le due sculture siano state distrutte dall’industria bellica come numerose altre opere metalliche di quella città.

  • Uno dei due cavalli in Fonderia. Sotto il cavallo appare la testa di F. Marinelli Sr.
  • Uno dei due cavalli in Fonderia. F. Marinelli Sr. a sinistra appoggiato alla scala