Morgante su Drago di Giambologna

Chiamato ironicamente Morgante come il gigante del poema epico “Il Morgante Maggiore” del Pulci, il nano di corte di Cosimo I dei Medici e dei successori Francesco e Ferdinando, venne ritratto dei maggiori artisti fiorentini.
La figura del nano in atto di pescare venne creata e fusa dal Giambologna nel 1582 e doveva costituire il coronamento di una fontana destinata a ornare il giardino pensile situato sulla Loggia della Signoria, voluto da Francesco I.

 

Altezza: 35 cm.

 

Tutti i “Capolavori” eseguiti dalla Fonderia Marinelli sono tratti da calchi presi sulle opere originali agli inizi del secolo scorso, posseduti dalla Fonderia quale  patrimonio della Fonderia stessa.