‘ESPOIR’, UNA CROCE-SIMBOLO PER IL GENOCIDIO ARMENO

(Giugno 2013)

Dopo la costituzione del “Comité Conjoint Lavallois du Monument du Génocide Arménien (CCLMGA)” nel 2010, Arto Tchakmakchian è giunto a Firenze e ha realizzato in Fonderia una serie di 100 miniature numerate dell’opera, destinate, con la loro vendita, a raccogliere i fondi per il monumento. Nel dicembre 2012 in seguito all’accordo con la città di Laval che ha concesso uno spazio pubblico per ospitare il bronzo, Arto ha finalmente intrapreso la realizzazione del monumento vero e proprio. La prima fase ha riguardato l’ingrandimento, realizzato in creta da una artista della Fonderia sul modello di Arto. Si è quindi proceduto alla fusione in bronzo con il metodo della cera persa.

 

La Fonderia ha messo a disposizione i propri artigiani e artisti che hanno collaborato con Arto e provveduto a tutte le fasi preparatorie e infine alla fusione.

 

La croce in ricordo del genocidio armeno, avvenuto nel1915 ad opera degli Ottomani, è alta più di tre metri e mezzo e ha un peso di quasi una tonnellata. E’ stata inaugurata nell’autunno 2013 nella città canadese, che si trova poco a nord di Montreal, e che ospita circa 25.000 cittadini di origine armena.

 

 

Link utili:

https://www.facebook.com/pages/Armenian-Genocide-Monument-in-Laval/271997172903966

Guarda opera